La 3à piattaforma acceleratore dell’innovazione: il punto di vista di Andrea Capitani

La 3à piattaforma acceleratore dell’innovazione: il punto di vista di Andrea Capitani.

 

Abbiamo chiesto ad Andrea Capitani, General Manager di Iws Consulting, dopo la sua partecipazione alla presentazione dell’ASSINTEL REPORT 2018.

 

“Iws Consulting, facendo fede al suo claim, Innovate. Work. Succeed., è pronta da circa un anno sul tema della 3à piattaforma come acceleratore di innovazione e che per sua stessa definizione è un servizio tecnologico che si è evoluto nell’ultimo decennio con la maturazione delle tecnologie Cloud, delle soluzioni Mobility, delle piattaforme di Analytics e Big data applicate ai social web. Creando tra questi quattro elementi virtuose sinergie con proposition mirate e prodotti di mercato o tecnologie  che ancora non sono  in commercio sul mercato italiano. Abbiamo ideato anche diversi framework proprietari che rappresentano metodologie di lavoro e che di volta in volta si adattano alle esigenze dei clienti. Il tutto in netta tendenza e in accordo con quanto descritto nell’Assinte Report 2018 presentato non più tardi di ieri”.

 

 

 

 

Read More
Redazione 30 Novembre 2017 0 Comments

Osservatorio Competenze Digitali 2017: focus sui dati delle imprese.

Iws Consulting, come socio Assintel,ci ha tenuto a partecipare all’evento “Osservatorio Competenze Digitali 2017” tenutosi ieri 6 giugno 2017 a Roma per ascoltare gli interessanti interventi per trovare nuovi spunti di riflessione e per migliorare il proprio approccio al mercato.

 

Abbiamo potuto conoscere il lavoro delle maggiori associazioni dell’ICT, insieme all’Agenzia per l’Italia Digitale e al Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca che hanno dato continuità ad un progetto unitario, che pone al centro dell’attenzione il tema della Cultura Digitale e il suo ruolo nel sistema formativo ed imprenditoriale italiano.

In Italia sta iniziando ad aumentare la consapevolezza sull’importanza delle competenze digitali come fattore strategico per la competitività del nostro sistema socio-economico, ma ancora troppo poco, così come poco diffusi sono le abilità specifiche all’interno delle aziende, nelle pubbliche amministrazioni, nei cittadini.

 

 

Siamo un Paese con una forte spinta all’economia digitale ma che fa  tica a crearsi le competenze necessarie a supportarla: manca una strategia di lungo periodo che coinvolga aziende e sistema formativo, manca una visione d’insieme che coordini i percorsi della Trasformazione Digitale, mancano risorse per rendere la PA adeguata al cambiamento. È quanto emerge dalla terza edizione dell’Osservatorio delle Competenze Digitali, condotto dalle principali associazioni ICT AICA, Assinform, Assintel e Assinter Italia e promosso da MIUR e AgID.

 

La Domanda di professioni ICT è in costante aumento: questo il dato positivo che emerge dai 175.000 annunci di lavoro su web analizzati nell’ultimo triennio, 60.000 quelli nel solo 2016. Ogni anno la richiesta di professioni ICT cresce mediamente del 26%, con picchi del 90% per le nuove professioni legate alla Trasformazione Digitale come i Business Analyst e i gli specialisti dei Big Data, a sottolineare l’evoluzione verso l’azienda “data driven”.

Cresce complessivamente del 56% la richiesta delle nuove professioni digitali: specialisti in Cloud, Cyber Security, IoT, Service Development, Service Strategy, Robotics, Cognitive & Artificial Intelligence. C’è decisamente più richiesta nel Nord ovest, in cui si concentra il 48% della Domanda.

 

Rispetto invece alle professioni “classiche” dell’ICT, tiene la richiesta di Analisti Programmatori, in costante crescita (+24% lo scorso anno): stiamo parlando di ben 80.000 annunci di lavoro nel triennio 2013-2016. Sono 27.000 gli annunci relativi a posizioni di System Analyst (+30% nell’utlimo anno) e 13.000 quelli per il Digital Media Specialist, con un picco del +60% per il Web Developer.

 

Il lavoro c’è, ma molte posizioni restano scoperte. La stima è che nel triennio 2016-2018 si potrebbero creare 85.000 nuovi posti di lavoro che richiedono specializzazione in ICT, a fronte di un’occupazione complessiva che potrebbe salire da qui al 2018 del 3,5% annuo e raggiungere le 624.000 unità.

Di questi 85.000 nuovi posti di lavoro creati, fino a circa 28.000 sono riferibili al 2016, come riscontrato nelle web vacancies per le posizioni fino a due anni di esperienza. Per queste posizioni il mercato richiede il 62% di laureati e il 38% di diplomati, ma il nostro sistema formativo propone troppi diplomati (8.400 in eccesso) e troppo pochi laureati in percorsi ICT (deficit di 4.400).

Nelle aziende utenti, i profili comuni più critici da reperire sono il Responsabile Sistemi Informativi, l’ICT Security Manager e il Project Manager.

 

Se faccciamo ipotesi sulle professioni del futuro, lo scenario cambia. Le nuove professioni si chiameranno Change Manager, Agile Coach, Technology Innovation Manager, Chief Digital Officer, IT Process & Tools Architect e saranno costituite da un mix più articolato di competenze, per governare strategicamente i cambiamenti imposti dalle aree Big Data, Cloud, Mobile, Social, IoT e Security. Saranno soprattutto figure fatte da un impasto di skill tecnologiche, manageriali e soft skills quali leadership, intelligenza emotiva, pensiero creativo e gestione del cambiamento.

 

Fonte: Assinform 

Read More
Redazione 7 Giugno 2017 0 Comments

Iws Consulting entra in Assintel per un anno carico di nuove iniziative dedicate all’ICT

Roma, 9-01- 2016

Iws Consulting si associa ad Assintel, Associazione di categoria per le aziende ICT di Confcommercio – Imprese per l’Italia. <<Assintel ci ha convinto perchè negli ultimi anni sta rappresentando in modo sempre più forte le aziende ICT presso autorità, enti ed istituzioni, tutelando gli interessi e facendosi portavoce delle diverse aziende che operano nel settore dell’Information and Communication Technology. Condividiamo il percorso nella divulgazione della cultura digitale all’interno del nostro Paese – dice il General Manager Iws Andrea Capitani entusiasta di comunicare la decisione di prendere parte al Network Assintel; e continua – Questa associazione di categoria dimostra di avere una capillarità territoriale molto ampia grazie alla collaborazione con le Confcommercio locali, nonchè una costante presenza ai tavoli di lavoro istituzionali per focalizzare l’attenzione su tutti i temi legati all’innovazione tecnologica; cose che aiutano aziende come la nostra a crescere e a potersi confrontare con realtà più importanti>>. 

Come socio, Iws può accedere ad una serie di servizi e consulenze personalizzate, nonchè partecipare ad eventi e fiere di settore tramite delle convenzioni. <<Vogliamo certamente approfittare di tutte le agevolazioni offerte da Assintel cercando di farci conoscere in breve tempo e magari ottenere un ruolo attivo all’interno della stessa Associazione – conclude Ettore Sangermano CEO di Iws – grazie alla partecipazione ai gruppi di lavoro di nuova istituzione dedicati a temi caldi come l’introduzione di soluzioni innovative nel retail, la Cyber Security o la gestione dei big data>>.

 

Rivedi il video della nostra partecipazione a “Presenta la tua azienda” del 9 – 11 – 2016

Read More
Redazione 9 Gennaio 2017 0 Comments